CEC-PAC: lasciate ogni speranza o voi che l’aprite…

Pubblicato in 19 settembre 2010

Chiariamo subito di cosa sto parlando. CEC-PAC è tecnicamente l’acronimo di “Comunicazione Elettronica Certificata tra Pubblica Amministrazione e Cittadino”, conosciuta anche come “PEC gratuita ai cittadini”, anche se non è una PEC vera e propria in quanto:

Con PEC si indica la Posta Elettronica Certificata “commerciale”, quella che si acquista per uso personale o aziendale e che permette di comunicare con qualsiasi indirizzo pec.
La CEC-PAC (Comunicazione Elettronica Certificata tra la Pubblica Amministrazione e il Cittadino) è una modalità di posta elettronica, gratuita per il cittadino, che però permette di comunicare esclusivamente con la pubblica amministrazione, e non può essere utilizzata per comunicazioni tra aziende o tra cittadini.

Attivazione

Come ho già indicato in un precedente articolo, non ho avuto il minimo problema ad attivarla. Una delle rotture di scatole maggiori è il doversi recare alle Poste (che per un informatico significa rivolgersi ad un servizio di snail-mail per attivare un’e-mail….), e dai dati pubblicati nel sito ufficiale si nota che il problema è causa di mancata attivazione da parte di un gran numero di richiedenti:

Numero richieste attivazione da portale: 399.230
Numero caselle PostaCertificat@ attivate: 167.311
Valori aggiornati al (19/09/2010 – 08:15)

Graficamente si comprende meglio come la situazione sia del 42% (attive) contro il 58% (richieste ma non attivate).
Richieste ed attivazioni CEC-PAC al 19 settembre 2010
Il 5 maggio 2010, accedendo la prima volta al servizio, come sempre il browser mi richiese se desideravo la password – cosa che ho prontamente fatto. A questo punto pensavo di aver risolto il problema: ero un cittadino modello, pronto a dialogare con le P.A. tramite uno strumento gratuito messo a disposizione dal Governo.

I primi problemi

Dopo alcune settimane dall’attivazione e di non utilizzo, mi ricollego al servizio per verificare se nel frattempo erano state rilasciate nuove funzionalità.
Accedo al sito postacertificata.gov.it, seleziono i miei dati ma non vengono riconosciuti. Dopo il terzo tentativo vengo informato che la mia casella è stata bloccata e che pertanto devo contattare il servizio telefonico di assistenza al portale.

Benvenuti all’inferno

Contatto il servizio assistenza che, con prontezza e gentilezza, mi informa della necessità di inviare un fax (!!!!) utilizzando un modulo (denominato “Reset password cittadino“) presente nell’area “Documenti e Manuali“.
E qui nascono i primi problemi.

Il presente modulo va compilato per la richiesta di reset password, nel caso in cui non si conoscano le risposte di sicurezza presenti sul portale. Il modulo deve essere inviato al numero fax 06-98688002, unitamente alla Copia del Modulo di Adesione firmato e timbrato presso l’ufficio postale in fase di attivazione ed alla copia del documento di identità.

Si, avete letto bene: non solo è necessario mandare il modulo con fotocopia del documento d’identità (che tra l’altro ho cambiato dall’attivazione, quindi non è più il documento indicato nei dati del modulo di registrazione), ma anche copia del modulo di adesione. Dei colleghi, che hanno avuto il medesimo problema (che ci sia stato un baco software nella gestione delle password dei primi registrati al servizio?), a tutt’oggi non hanno ancora ottenuto il reset della password, nonostante nel modulo sia indicato che “il reset della password sarà effettuato entro 5 gg dalla richiesta”.
A questo punto mi comincio a sentir male: non trovo più il modulo di adesione al servizio senza il quale non posso farmi “riconoscere” come proprietario della casella (non basta il documento e/o farmi recare nuovamente alle poste da un funzionario con potere di riconoscimento?) e quindi non posso chiedere il reset della password. Niente.
Questo non è un problema da poco in quanto nella guida al servizio non è chiaro se la casella “bloccata” è effettivamente bloccata anche in ricezione oppure solo all’accesso, ovvero se la P.A. può inviarmi comunicazioni nonostante sia informata che non posso accedere alla casella…
… penso quindi ad un “suicidio” della mia CEC-PAC, ovvero: se non posso riappropriarmene, allora tanto vale che la chiudo!
Impossibile. Si, avete letto bene: non è possibile chiudere la CEC-PAC se non si scarica un modulo. E la pagina dedicata al recesso informa quali sono i passi da fare:

Per recedere dal servizio il Cittadino, dopo aver effettuato il LOGIN sul portale, dovrà inviare il modulo di Recesso dal servizio PostaCertificat@ alla casella centroservizi@postacertificata.gov.it presente nella sezione “Documenti e Manuali” del portale.

Non potendomi loggare non posso verificare se la suddetta sezione cambia per gli utenti autenticati: comunque ad un utente non loggato la sezione documenti e manuali si presenta come segue. Vi sfido a trovare il modulo di recesso…

E per concludere, pure le condizioni di fornitura del servizio non prevedono altre forme di recesso se non la procedura on line:

Art. 7 – Recesso

7.1 L’Utente potrà recedere, in qualsiasi momento e con effetto immediato, dai Servizi Base senza alcun onere, comunicando la propria volontà di revocare detti servizi.
7.2 Il recesso potrà essere esercitato attraverso una procedura automatica disponibile nell’apposita sezione del Portale WEB e comporta la cessazione dei Servizi Base e la contestuale cancellazione dagli elenchi contenenti gli indirizzi dell’Utente. Il recesso non comporta l’immediata cancellazione di tutti i dati del cittadino ma si atterrà alle normative vigenti in termini di protezione dei dati personali, quelle specifiche relative alla posta elettronica certificata. In particolare i dati relativi alla tracciatura delle comunicazioni elettroniche verranno mantenuti secondo quanto previsto dalla normativa e potranno essere accessibili al cittadino stesso, alla PA o a terzi, secondo quanto previsto dalla legge in termini di opponibilità del registro delle operazioni eseguite.

E ora?

Ho scritto alla casella info@… indicata come mail di contatto presentando il mio problema ma nessuno ha ancora risposto dopo una decina di giorni dall’invio. Nelle condizioni contrattuali, in caso di temporanea disattivazione dell’accesso da parte dell’utente, si scopre che (fortunatamente) nel mio caso la casella risulta bloccata (comma 1 dell’art. 12):

12.1 Il Concessionario potrà sospendere temporaneamente l’erogazione dei Servizi Base , per motivazioni anche di natura tecnica, ovvero per cause di forza maggiore o impossibilità sopravvenuta, anche parziale, dandone, ove possibile, comunicazione all’Utente tramite il Portale Web.
La sospensione della casella di Postacertificat@ non comporta la cancellazione del contenuto ma solo la sospensione del servizio di consegna della posta certificata alla casella bloccata e di accesso da parte dell’utente alla stessa. Le informazioni contenute verranno invece mantenute in accordo con le prescrizioni relative al periodo di mantenimento delle stesse (30 mesi).

Che dire: forse in fase di progettazione del servizio, gli assegnatari della concessione in esclusiva del servizio dovevano valutare la possibilità di smarrimento delle credenziali (ripeto: i miei dati erano salvati nel browser quindi i dati di accesso erano corretti…) ed essendo in possesso di metodologie di contatto tradizionale (vi è obbligo dei dati di residenza e di un recapito telefonico), il servizio di assistenza potrebbe comunque curare l’invio di nuove credenziali temporanee per non causare un disservizio al cittadino ma anche all’amministrazione pubblica.
Resta comunque il nodo della potenziale chiusura dell’account, ad oggi impossibile per utenti come il sottoscritto che non possono accedere al servizio ne per fruirne, ma neppure per seppellirlo.
Ad oggi quindi sono un cittadino inibito all’uso della CEC-PAC, ossia per comunicare con le P.A. dovrò utilizzare il classico foglio di carta al protocollo, non potendo usare una normale PEC (già in mio possesso) ove l’amministrazione non abbia già abilitato una casella PEC per ricevere le comunicazioni da aziende e/o professionisti.

Tags: ,

16 Risposte a “CEC-PAC: lasciate ogni speranza o voi che l’aprite…”

  1. paolo.rama
    gen 12, 2011

    Non solo la mia situazione è identica alla tua, ma in più, io avevo già una casella pec al cittadino rilasciata dall’INPS, quindi la mia casella è una di quelle “migrate”, il che significa che io non ho mai fatto domanda a Poste Italiane, quindi non posso allegare al fax tale documento inesistente! Ho mandato un primo fax ai primi di dicembre 2010, mi hanno richiamato in 3 giorni, spiegandomi che senza la domanda a Poste Italiane non potevano resettarmi la password. Io ho fatto presente non possedevo tale domanda, essendo stata automaticamente creata all’estinzione della mail di INPS. Lo avevo già spiegato al call center, che mi aveva detto che, se non avevo la domanda, non avrei dovuto inoltrarla. Chi mi ha richiamato mi ha spiegato che la mia casella era “migrata”, che in questi casi le 3 domande di controllo per il reset automatico della password non erano valide (!), e mi ha chiesto di mandare un nuovo fax, completo di tutti i documenti, e con l’attestazione autografa di essere titolare di una casella “migrata”. L’ho fatto a fine dicembre, prima delle ferie natalizie, ma ad oggim nonostante abbia anche richiamato il call center, non ho avuto alcuna notizia.
    Sei certo che la casella non è attiva in entrata? Sarebbe davvero grave che lo restasse: tutte le comunicazioni di P.A., valide come raccomandate a.r., impossibili da leggere eppure date per consegnate!
    E l’indirizzo info@postacertificata.gov.it risulta impossibile da raggiungere sia da casella mail ordinaria, sia da pec “normale”, tipo Aruba.
    Se hai qualche novità, se sei riuscito a farti ripristinare l’accesso, potresti aggiornare questo blog, o farmelo sapere via e-mail? Mi faresti un enorme piacere.
    Mille grazie.


  2. Massimo Penco
    apr 07, 2012

    Colpa mia non avevo visto questo bellissimo pezzo, anche se abbiamo molti amici comuni, bel lavoro stiamo anche noi cercando di sbrogliare la matassa se ti interessa qui le ultime risultanze http://www.cittadininternet.it/?p=1512 dove ho aggiunto questo tuo capolavoro sulla CEC PAC.
    Saluti
    Massimo Penco


  3. [...] Brunetta trovo solo oggi un capolavoro di pezzo assolutamente omni-comprensivo che linko per intero http://robertoscano.info/random-bits/cec-pac-lasciate-ogni-speranza-o-voi-che-laprite/comment-page-2… è veramente esaustivo e sopratutto [...]


  4. Moira
    apr 20, 2013

    Completo il quadro con:
    1) mail a info@postacertificata.gov.it che prontamente viene restituita al mittente (forse han deciso di disattivarla per le troppe lamentele?)
    2) chiamata al nr verde di posteitaliane: mi risponde una voce automatica che mi invita a chiamare il nr 199 a pagamento
    3) chiamo il nr a pagamento (sì ci son cascata!) che ovviamente si dimostra un labirinto privo di risposte fatto solo per tenerti in linea

    Ogni volta che compilo una domanda on-line rivolta alla PA si inserisce automaticamente l’indirizzo di risposta PEC E NON C’è MODO PER SOSTITUIRLO!Quindi ogni volta che mi arriva una documentazione: certificati, convocazioni, accesso agli atti NON HO MODO DI RICEVERLI!! Ma come si risolve? mi sta creando troppi disagi e non la posso neppure disattivare.

    L’unica volta che son riuscita ad accedere, lo scorso anno, tentai di impostare l’inoltro automatico ma non ci riuscii, nel senso che proprio non era prevista tale funzionalità.

    qualcuno mi aiuti!


  5. ombra32
    mag 09, 2013

    Ciao a tutti, mi unisco alle lamentele segnalando l’articolo sul mio blog.

    http://ombra32.altervista.org/2013/05/postacertificata-by-governo-italiano-un-delirio/

    Spero possa essere interessante e di aiuto a qualcuno.
    Ciao!



Trackback/Pingback

  1. [...] catepol shared CEC-PAC: lasciate ogni speranza o voi che l’aprite… | Roberto Scano. [...]

Facebook